Venus at Her mirror

Ford Fiesta Vignale – Stile e comfort in una sola auto

Ford Fiesta Vignale – Stile e comfort in una sola auto

In pochi sanno che alla guida sono un vero e proprio ragazzaccio. Guidare è tra le mie più grandi passioni e non c’è tacco che tenga. Quando ho deciso di mettermi in auto e sfrecciare, non ce n’è per nessuno. E’ per questo che, all’ultima Fashion Week di Milano, non ho resistito e ho letteralmente “rubato” l’auto al driver. La causa? La Ford Fiesta Vignale! Una novità assoluta che ha catturato la mia attenzione per il design, per le forme, per il comfort e la forte personalità che esprime.

L’allestimento porta la firma del celebre designer italiano degli anni Cinquanta e Sessanta, un modello la cui quarantennale storia è basata soprattutto sugli aspetti pratici, in particolare l’economicità e la concretezza di un’auto da usare tutti i giorni prevalentemente in città – nulla di più comodo per chi ha bisogno di girare per lavoro. La Ford Fiesta Vignale però, ha un quid in più e si tratta di una parola che accomuna gli amanti della moda ma anche delle auto: lo stile. Non ci si accontenta più di utilitarie comode ed economiche, oggi è per tutti importante il design, l’idea di stile, il bello. La macchina è diventata un vero e proprio status symbol, un “oggetto” che entra a far parte delle nostre vite in tutto e per tutto e che quindi può, anzi deve, rappresentare al meglio la propria personalità.

Di qui l’attenzione agli esterni e agli interni, che devono essere non solo confortevoli ma anche belli da vedere e toccare. Il valore estetico ha la sua fondamentale importanza, la leggerezza e la notevole efficienza aerodinamica restano i punti caratterizzanti delle carrozzerie di Vignale, il cui primo modello fu creato nel 1946 da Alfredo Vignale, dopo un lungo apprendistato negli anni Trenta con Battista Farina (Pininfarina).

Negli ultimi anni il marchio è stato riportato in attività come linea di lusso delle auto dall’ovale blu: Mondeo, S-Max, Kuga ed Edge sono stati i primi modelli a fregiarsi di questo allestimento. Lo stabilimento Vignale è in Spagna, a Valencia ma lo spirito è immutato dai tempi di Alfredo: artigianato di gran classe e gusto per la bellezza, dettati anche dalla presenza in Ford di Ivan Telesca, designer italiano proveniente dall’Istituto europeo di design di Torino.

Qualche dettaglio in più di questo gioiellino che mi ha accompagnato per l’intera Settimana della Moda a Milano?

Esterni – La sezione frontale è dominata dalla griglia centrale (cromata) da cui sembrano prendere il volo tanti piccoli esseri alati (cromati): sono in realtà le “V” di Vignale. Più in basso è differente anche la sezione dei fendinebbia (cromati). La vista di profilo è impreziosita dai cerchi in lega da 17 pollici al nickel lucido e alla modanatura inclinata (e cromata) che confluisce idealmente nello spigolo anteriore della vettura. Aggiungiamo i bordi dei cristalli (cromati) e il caratteristico badge Vignale sotto l’angolo del finestrino anteriore. Il tema della modanatura (cromata) è ripreso nel paraurti posteriore.

Elettronica – 3 radar, 12 ultrasuoni e 2 telecamere per una visuale fino a 130 metri. Assistenza alla guida, sistema di riconoscimento pedoni, frenata automatica d’emergenza, parcheggio semiautomatico e capacità di frenare automaticamente per evitare piccoli urti durante la manovra. Ancora per la sicurezza: riconoscimento dei segnali stradali, controllo adattivo della velocità di crociera, monitoraggio dell’attenzione del guidatore, avviso di superamento e il mantenimento della corsia di marcia, avviso di emergenza pre-collisione.

Tecnologia – Sync 3 e touchscreen da 8 pollici, migliorate le funzioni di comando vocale, in grado di riconoscere forme più naturali del linguaggio. Gli utenti Apple potranno usare i comandi vocali con Siri Eyes Free, quelli Android per le ricerche, Google Maps e lo store Google Play. Inoltre il Sync 3 ora ha aumentato il numero di paesi (con relative lingue) in cui funziona il servizio di chiamata automatica d’emergenza al 112 in caso d’incidente.

Interni – Pelle dappertutto, nei rivestimenti di sedili, plancia, console centrale, volante e leva del cambio. Decisamente chic le pedane battitacco in alluminio satinato con il logo Vignale. Chi vuole può richiedere i preziosi sedili in pelle totale pieno fiore, lavorata a mano, nella caratteristica decorazione esagonale. Tetto panoramico apribile a due elementi e l’impianto audio Bang&Olufsen (per testare la bontà del sistema, gli ingegneri hanno trascorso più di un anno ascoltando oltre cinquemila brani di ogni genere).

Che dite? La Ford Fiesta Vignale è in linea con i miei look? Direi proprio di sì!

Sfogliate la gallery e continuate a seguirmi su INSTAGRAMFACEBOOKTWITTER