Venus at Her mirror

SWEET TROPEA

SWEET TROPEA

Due giorni intensi e pieni di vita, quelli che ho trascorso nella caratteristica Tropea.

Già conoscevo questa splendida cittadina calabrese, avendo casa proprio in questa regione sin da bambina. Ma viverla da perfetta turista, beh, questo ancora mi mancava. Ho potuto assaggiarne i sapori, essere catturata dai colori, contemplare il panorama, apprezzare gli angoli pittoreschi e carichi di colori. Si, mi è proprio piaciuta, tanto che mi è sembrato l’estate non finisse e ci ho lasciato parte del mio cuore.

Ci sono diverse cose da fare a Tropea, ve ne elenco qualcuna di fondamentale importanza.

1. Visitare il centro storico, con i suoi vicoli stretti, le case in muratura, i portoni di legno, gli angoli floreali. Un salto nel passato, tra profumi di buon cibo e l’odore del mare. Non dimenticate di affacciarvi dal famoso terrazzo per ammirare l’isolotto e la spiaggia di sabbia bianchissima, che in estate si colora di mille ombrelloni.

2. Salire sul Santuario di Santa Maria dell’isola, arroccato sull’isolotto di fronte alla città. Ci vogliono un po’ di scalini per arrivarci, ma ne vale la pena. Sia la piccola chiesetta che il giardino, sono una tappa obbligatoria per qualche ora dedicata alla cultura e all’arte.

3. Mangiare l’arancino con le cipolle di Tropea! Questo non può proprio mancare! La cipolla di Tropea, famosissima nel mondo, con il suo sapore dolce e delicato, è uno degli ingredienti prediletti per la preparazione delle arancine, che troverete ovunque nella città. Non fatevela sfuggire. Certo, dopo vi servirà un buon digestivo, ma il palato ringrazierà!

4. Trascorrere qualche ora sulla spiaggia. Quella di sabbia bianchissima, che potrete raggiungere o in auto, seguendo zona porto, oppure a piedi, scendendo gli scalini dal centro alto della città. In piena estate è un po’ difficile trovare posto, perché viene invasa dai turisti, ma nel periodo in cui l’ho visitata io, era molto tranquilla. Bellissime le ore del tramonto, sorseggiando un drink preso all’unico chioschetto della spiaggia.

5. Fare shopping nei negozi tipici. Come si può dire di no? Macramé, pizzi, abiti colorati, borse e cappelli di paglia, ma anche suppellettili e oggetti di arredo. Il centro storico è pieno di negozi, tutti da saccheggiare!

6. Assaggiare il gelato Tartufo. Sedetevi in un bar e ordinate il Tartufo, tipico della zona (in realtà è originario di Pizzo Calabro, ma su tutta la costa è un must!). Il mio preferito è al pistacchio, ma quello al cioccolato è di sicuro quello più tipico.

Non vi resta che portare con voi questa mini guida e programmare già le vacanze 2017!

Sfoglia la sezione TRAVEL con più di 20 mete in giro per il mondo

01